Strategie

Chi si avvicina al mondo del trading sperando in questo modo di poter ottenere degli alti guadagni senza alcuno sforzo è completamente fuori strada: per arrivare a certi risultati sono necessari tempo, studio, perseveranza, pazienza e tanta voglia di migliorarsi; i bravi trader sono quelli che riescono a mettere in pratica strategie di trading vincenti: proviamo a scoprire quali sono le migliori.

Strategie di trading: cosa sono e come scegliere le migliori
Cosa sono le strategie di trading? Possiamo definirle come un insieme di regole che prevedono l’esecuzione di determinate azioni quando si verificano delle specifiche condizioni sui mercati. Prima di capire quale strategia di trading si intende adottare bisogna cercare di capire bene qual è il proprio stile, quali sono le proprie esigenze e le proprie disponibilità. Gli stili di trading più diffusi sono quattro:

Gli stili di trading

Il Position Trading è lo stile di coloro che mantengono le posizioni per tempi abbastanza lunghi. Chi fa position trading ha un livello di operatività decisamente basso: aprono poche posizioni a settimana con l’obiettivo di sfruttare i forti trend. Le strategie adatte a questo profilo sono basate sul lungo termine e mirano all’individuazione dei trend primari da seguire.

Lo Swing Trading invece prevede durate minori (da alcuni giorni a qualche settimana); è uno stile che permette di operare in ottica di breve periodo e sfruttare anche i trend secondari. Chi rientra in questo profilo vuole determinare i momenti migliori per entrare sul mercato e lo fa utilizzando l’analisi tecnica e la price action e tenendo sempre sotto controllo il calendario economico: per questo motivo il trader avrà giornate particolare impegnativo e altre molto più tranquille.

Il Day Trading è lo stile di coloro che aprono e chiudono la posizione nell’arco della stessa giornata; con l’analisi tecnica si individuano i migliori momenti d’ingresso per sfruttare le fluttuazioni giornaliere dei prezzi. Solitamente ogni operazione non muove grandi capitali e di conseguenza non genera grandi profitti, ma chi fa day trading ha un livello di operatività molto alto e può aprire decine di posizioni al giorno (cosa che lo obbliga a seguire scrupolosamente il calendario economico e a stare diverse ore davanti alla piattaforma di trading),

Lo Scalp Trading è invece lo stile caratterizzato da un orizzonte temporale molto ristretto (l’esempio classico è rappresentato dalle opzioni binarie a 60 secondi). L’obiettivo è puntare più sulla quantità che sulla qualità, nel senso che si punta ad ottenere dei piccoli guadagno con ogni operazione, che con questa strategia di trading possono essere davvero tante ogni giorno. Bisogna però stare sempre pronti ad approfittare di ogni variazione dei mercati e le decisioni vanno prese nel giro di pochissimi istanti (per questo motivo lo scalp trading viene indicato da molti come lo stile più stressante).

Strategie di investimento: no all’improvvisazione

Per ciascuno di questi profili sono state messe a punto diverse strategie di trading e ogni bravo investitore sceglie (o “inventa”) la sua: esistono tantissimi libri e un’infinità di siti web specializzati che illustrano le varie tecniche da adottare. Per chi muove i primi passi in questo affascinante modo non sarebbe una cattiva idea studiare le varie strategie di trading per individuare quale può essere quella più adatta a lui, magari testando le diverse opzioni sfruttando i conti demo. Nel trading non si dovrebbe mai improvvisare, quindi una volta scelta la migliore strategia bisognerà cercare di rispettare fedelmente le sue regole, senza farsi condizionare dalle emozioni del momento.