Cosa sono le Bande di Bollinger

Le Bande di Bollinger sono uno strumento di analisi tecnica sviluppato negli anni ’90 da John Bollinger, uno dei pionieri del trading; per rispondere alla domanda “cosa sono le Bande di Bollinger?” si potrebbe sinteticamente dire che stiamo parlando di un indicatore formato da una media mobile dei prezzi e da due bande, una inferiore e una superiore, che rappresentano le deviazioni standard della stessa media mobile del mercato. Nelle prossime righe cercheremo di spiegare meglio questo concetto.

Bande di Bollinger: cosa sono e come funzionano

tutto quello che c'è da sapere sulle bande di bellingerLe Bollinger Bands fanno parte degli indicatori di volatilità del mercato, ma vengono utilizzate anche per individuare il range di oscillazione dei prezzi e le fasi di ipervenduto o ipercomprato. Se usate nella giusta maniera possono fornire segnali di ingresso molto attendibili e consentono di mettere in pratica una strategia di successo. Le Bande di Bollinger sono composte da:

  • una media mobile a N giorni del prezzo dell’asset in oggetto (graficamente raffigurata da una linea centrale; di solito N è pari a 20);
  • una banda superiore ottenuta aggiungendo due volte la deviazione standard ad una media mobile;
  • una banda inferiore ottenuta sottraendo due volte la deviazione standard da una media mobile.

Per costruire le Bande è sufficiente conoscere lo storico dei prezzi; se sul grafico si sovrappone alle tre linee appena descritte la curva dei prezzi, è possibile ottenere una raffigurazione dell’andamento dei prezzi nel tempo e dell’area in cui questi sono contenuti.

Più il mercato è volatile è più le Bande di Bollinger si espandono; viceversa, ad una riduzione della volatilità corrisponde una contrazione delle Bande. Il rimbalzo di Bollinger è la tendenza del prezzo a tornare verso la linea centrale. Gli operatori hanno così l’opportunità di monitorare la volatilità di breve periodo e di ottenere informazioni sull’andamento dei prezzi a lungo termine. Se il prezzo si muove costantemente al di sopra della Banda superiore ci si trova in territorio di ipercomprato; ovviamente se il prezzo si trova costantemente al di sotto della Banda inferiore siamo in territorio di ipervenduto.

Utilità e applicazione dell’indicatore

Le Bollinger Bands vengono considerate molto utili da tantissimi trader, ma sono molti anche quelli che affermano che non sono infallibili e che per sfruttarle al meglio è necessaria avere una profonda conoscenza dell’analisi fondamentale e tecnica. L’uso di questo indicatore varia in base al tipo di trader: di solito si compra quando il prezzo tocca la Banda inferiore e si vende quando tocca quello superiore, ma alcuni comprano quando il prezzo va oltre la Banda superiore (o vendono quando va sotto quella inferiore). Chi si trova alle prime armi può prendere confidenza con l’indicatore usando il conto demo.

Lascia un commento